• 09 novembre 2017

Mercato di beni o mercato del bene?

Formazione Filosofia in azienda

Lo sappiamo tutti e lo sappiamo dalla notte dei tempi.

Il mercato è il luogo, sia reale sia virtuale, in cui si incontrano domanda e offerta per lo scambio di cose o servizi, chiamati beni. Ciò significa che uno compera o vende qualcosa che ritiene possa essere utile o addirittura necessario per sé o qualche altro, qualcosa che, per l’appunto, sia un bene. E così si sono sviluppati, da secoli immemorabili, forme e istituti per regolare o irreggimentare queste transazioni.

Oggi, poi, sappiamo che in questo frenetico scambio o incontro tra domanda e offerta si sono inseriti non solo i beni, ma anche i desideri.

Anzi nel mercato sono più numerosi i desideri che i beni. Una prova? Eccola.

Nell’anno 1900 una famiglia italiana, composta da cinque membri, durante tutta la vita dei suoi componenti, usava e conosceva non più di 200 oggetti. Cento anni dopo, una famiglia costituita da quattro persone usa e conosce 200.000 oggetti, senza contare tutto l’insieme di cose appartenenti al mondo informatico, telefonini compresi. Una bazzecola: solo 3 zeri in più!

Allora come la mettiamo?

Vuole, forse, dire, che nel Duemila abbiamo davvero necessità di questa valanga di cose per vivere?

È ben vero che oggi, rispetto ai nostri nonni o bisnonni di cento anni fa viviamo mediamente vent’anni di più; ma questo semplice prolungamento dell’arco temporale da solo non giustifica un uso così ampio (io direi spasmodico) di cose.

Dove sta il busillis?

Nel semplice fatto che al mercato si vendono o si comperano soprattutto desideri.

Ovvero oggetti che non servono a soddisfare bisogni, bensì ansie, voglie, aspettative, appagamenti, tendenze: desideri, appunto.

Fino a qui, tutto ok. Ma una domanda non può essere elusa: si può pretendere che tutti questi beni siano anche “bene”, ovvero che facciano bene, che generino bene? Che cosa lo impedisce? Nulla, se non la nostra miopia.

Esempio: quando si vuole vendere un prodotto o un servizio, prima di persuadere il potenziale acquirente usando tutte le astuzie che la moderna prassi di vendita suggerisce, abbiamo fatto lo sforzo, serio e onesto, di conoscere davvero di che cosa il nostro interlocutore ha bisogno?

Ovvero, il nostro desiderio di vendere incontra il suo bisogno?

Rispondere a questa domanda fa la vera differenza tra vendere un bene e vendere il bene. Chi lo fa, sta bene, anzi molto bene.

____________________________________________________________________________________________________________________

Lino Sartori - Filosofo AdHoc - website - linkedin

    Condividi


Altre news

Obiettivo: cresciamo insieme

27 mag

Obiettivo: cresciamo insieme

Networking e relazioni Business e cultura d’impresa

Diventa protagonista della nuova strategia di comunicazione AdHoc Consilia.
Leggi di più

    Condividi

Riccardo Illy: persona e impresa

28 mar

Riccardo Illy: persona e impresa

Recensione eventi Networking e relazioni Impresa Testimonianze Formazione manageriale e crescita personale Formazione Filosofia in azienda Business e cultura d’impresa

Costanza, umiltà, studio, innovazione incrementale, comunicazione, etica: questo è l’esagono ideale di una virtù civile, prima ancora che imprenditoriale.
Leggi di più

    Condividi

Quale è il futuro del business?

21 mar

Quale è il futuro del business?

Consigli di lettura

Tutti i consumatori si aspettano non solo il meglio, ma sempre qualcosa di più dalle aziende di cui acquistano i beni...
Leggi di più

    Condividi